Sistemi di gestione

Sistemi di gestione

News

Pubblicata la ISO 45001

Dopo un lungo iter durato diversi anni e dopo l’approvazione a gennaio, per poter arrivare alla pubblicazione dello standard, della versione Final DIS (Final Draft International Standard), il 12 marzo 2018 è stata è stata finalmente pubblicata la nuova norma ISO sui sistemi di gestione della sicurezza, la ISO 45001:2018. La ISO 45001 (Occupational Health & Safety Management Systems), come indicato in una intervista sul nuovo standard a Tommaso De Nicola della Direzione centrale prevenzione dell’Inail, tocca un punto importante delle politiche di prevenzione, perché l'adozione di sistemi di gestione della sicurezza sul lavoro “incide profondamente su quella che è l'organizzazione aziendale che deve essere tutta, per intero, volta alla tutela e salvaguardia della salute e sicurezza dei lavoratori”. Quali sono gli aspetti innovativi della ISO 45001? Quale è il “timeline” di applicazione per le aziende? La ISO 45001:2018, già presente nel catalogo ISO, sarà disponibile nei prossimi giorni anche sul sito UNI e in italiano. Ricordiamo, infatti, che ogni paese decide se adottare o meno la norma nel catalogo/store dell’ente nazionale di normazione. Ci sono periodi di transizione/migrazione? La nuova norma deve essere applicata subito? È previsto un periodo di transizione di 3 anni. Entro il 12 marzo del 2021 tutte le organizzazioni  - quelle certificate già secondo il British standard - dovranno passare a questo nuovo standard. Ci sarà un periodo di transizione che durerà un anno e mezzo, 18 mesi nei quali le aziende potranno ancora certificarsi col vecchio schema: nell'eventualità in cui delle aziende avessero già intrapreso il percorso della vecchia norma e fossero in una fase di imminente certificazione, possono ancora farlo. Comunque entro il 2021 dovranno adeguarsi al nuovo standard e ai nuovi requisiti contenuti nel nuovo standard. Quindi sono previste due timeline: - 18 mesi entro cui le due norme in qualche modo convivono; - tre anni, quindi tra 36 mesi, entro i quali si arriverà ad avere solo lo standard ISO 45001.   Quali sono le novità principali per gli operatori? Essendo allineata alla High Structure Level delle ISO e quindi facendo riferimento alla struttura di alto livello, la nuova ISO effettivamente è perfettamente integrabile con la ISO 9001 e la ISO 14001. Quindi, la norma è diversa dal British standard perché è stata riscritta seguendo il nuovo livello.   Quali sono  i punti qualificanti e innovativi per le aziende che applicheranno questa norma? La forte spinta all'integrazione con il business dell'organizzazione, è il più innovativo. Cioè la ISO non è una norma a sé, ma una norma che deve tendere ad integrarsi in maniera profonda nel business dell'organizzazione. È come uno strumento strategico che aiuta l’organizzazione ad ottenere dei vantaggi economici dalle innovazioni in sicurezza. È una norma che guarda alla strategia, al contesto dell'organizzazione. Che non si ferma a valutare gli aspetti solo legati ai lavoratori, ma quelli di ogni parte interessata, degli elementi esterni, compreso l’outsourcing. La ISO 45001:2018 aiuta l'organizzazione a raggiungere in maniera coordinata e combinata gli obiettivi che si è fissata, con attenzione alla qualità, all'ambiente e quindi, finalmente, anche alla sicurezza. La ISO 45001:2018 è, di fatto, una grande opportunità per le aziende.   Fonte: puntosicuro