Salute e sicurezza

News

Vaccinazione nei luoghi di lavoro. Chiarimenti INAIL .

Le aziende, singolarmente o in gruppi organizzati, per il tramite delle Associazioni di categoria di riferimento, possono attivare punti vaccinali territoriali anti-SARS-CoV-2/ COVID-19 destinati alla vaccinazione delle lavoratrici e dei lavoratori, anche con il coinvolgimento dei medici competenti. 

La vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 effettuata nell’ambiente di lavoro, anche se affidata al medico competente (ove presente/disponibile) o ad altri sanitari convenzionati con il Datore di Lavoro, rappresenta un’iniziativa di sanità pubblica, finalizzata alla tutela della salute della collettività e non attiene strettamente alla prevenzione nei luoghi di lavoro. Pertanto la responsabilità generale e la supervisione dell’intero processo rimane in capo al Servizio Sanitario Regionale, per il tramite dell’Azienda Sanitaria di riferimento. 

Ai fini della istituzione dei punti vaccinali territoriali e della realizzazione della campagna vaccinale nei luoghi di lavoro, costituiscono presupposti imprescindibili: 

1. la disponibilità di vaccini 

2. la disponibilità dell’azienda 

3. la presenza / disponibilità del medico competente o di personale sanitario come di seguito specificato 

4. la sussistenza delle condizioni di sicurezza per la somministrazione di vaccini 

5. l’adesione volontaria ed informata da parte delle lavoratrici e dei lavoratori 

6. la tutela della privacy e la prevenzione di ogni forma di discriminazione delle lavoratrici e dei lavoratori 

 

Fermi restando tali presupposti, l'organizzazione del piano vaccinale negli ambienti di lavoro deve prevedere i seguenti passaggi: 

  1. Adesione 

  2. Requisiti preliminari 

  3. Equipaggiamento minimo per la vaccinazione in azienda 

  4. Formazione e informazione 

  5. Organizzazione della seduta vaccinale 

  6. Gestione del consenso 

  7. Registrazione della vaccinazione 

  8. Osservazione post vaccinazione 

  9. Programmazione della seconda dose 

  10. Monitoraggio e controllo 

  11. Oneri 

 

In caso di vaccinazioni interne, dovranno essere aggiornati documenti?

Si, si dovranno aggiornare il rischio biologico e DVR per riduzione rischio.

 

Dal punto di vista legale, l'azienda sarà tenuta al rispetto delle indicazioni contenute nel Piano Vaccinale regionale.

 

ERSG può gestire il piano vaccinale insieme al Medico Competente.