Salute e sicurezza

News

IL “JOBS ACT” E LE POSSIBILI NOVITÀ IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO.

Il Jobs Act approvato in modo definitivo il 3 dicembre 2014 a Palazzo Madama prevede, tra l’altro, una vera e propria delega in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Il testo del Ddl n.1428-B, approvato in Senato pochi giorni fa con le modifiche della Camera dei Deputati del 25 novembre 2014, comprende una delega che riguarda anche la materia della “igiene e sicurezza sul lavoro” (espressione evidentemente superata in quanto con IL testo Unico si parla di “salute e sicurezza sul lavoro”) in ordine alla quale: “il Governo è delegato ad adottare, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, su proposta del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, uno o più decreti legislativi contenenti disposizioni di semplificazione e razionalizzazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini e imprese”. Si consideri che nel provvedimento è prevista anche: A) la razionalizzazione e semplificazione dell’attività ispettiva, attraverso misure di coordinamento ovvero attraverso l’istituzione, di una Agenzia unica per le ispezioni del lavoro, tramite l’integrazione in un’unica struttura dei servizi ispettivi del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, dell’INPS e dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL), prevedendo strumenti e forme di coordinamento con i servizi ispettivi delle aziende sanitarie locali e delle agenzie regionali per la protezione ambientale. B) la revisione della disciplina dei controlli a distanza sugli impianti e sugli strumenti di lavoro (si dovrà tenere conto, in proposito, dell’evoluzione tecnologica per “contemperare le esigenze produttive ed organizzative dell’impresa con la tutela della dignità e della riservatezza del lavoratore”.   Fonte: puntosicuro