Salute e sicurezza

News

Coronavirus. La prevenzione negli ambienti di lavoro

La diffusione del “Coronavirus” originato nella provincia di Wuhan in Cina, pone la necessità di diffondere le regole basilari per la corretta prevenzione anche in ambienti di lavoro.

 Di seguito, le principali regole diffuse dal Ministero della Salute, coerentemente con le disposizioni emesse dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) da rispettare anche per i lavoratori in azienda.

Ad oggi molte informazioni sulla diffusione del virus sono ancora da scoprire con certezza, ma la sintomatologia verificata porta ai seguenti consigli:

Le principali precauzioni da assumere sono le stesse di quando si ha l'influenza:

  • igiene delle mani (lavare spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche almeno per 20 secondi)
  • starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso, gettando i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l'uso e lavando le mani
  • tenere pratiche alimentari sicure come quella di evitare carne cruda o poco cotta, frutta o verdura non lavate e le bevande non imbottigliate.
  • evitare il contatto ravvicinato, quando possibile, con chiunque mostri sintomi di malattie respiratorie come tosse e starnuti.

Come risaputo, se ci sono colleghi o clienti o fornitori provenienti dalla Cina, si consiglia di farli entrare in azienda solo dopo che sarà trascorso il periodo di 14 giorni, fino ad oggi definito come periodo “fertile” per la potenziale trasmissione del virus, dal loro arrivo in Italia.