Ambiente

News

RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVA SEVESO III IN VIGORE DAL 29 LUGLIO

Il 14 luglio è stata pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo n. 105 del 26 giugno 2015, che recepisce la  Direttiva 2012/18/UE del 4 luglio 2012 (Seveso III) relativa al controllo del pericolo di  incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose. La  Direttiva 2012/18/UE contiene diverse modifiche della normativa comunitaria relativa agli incidenti importanti: - nuove definizioni e chiarimenti sul campo di applicazione della direttiva; - adeguamento dell’Allegato I al regolamento CLP (reg. 1272/2008/CE), nuove sostanze e modifiche di soglia; - ‘deroga’ per le sostanze non in grado di generare incidenti rilevanti; - nuove disposizioni e tempistiche relative a: politica di prevenzione degli incidenti rilevanti, effetto domino, piani di emergenza, controllo dell’urbanizzazione, incidenti, ispezioni, scambio delle informazioni; - nuove disposizioni sulla partecipazione del pubblico e l’accesso alla giustizia.   Alcune novità e aspetti significativi contenuti nel nuovo D.Lgs. 105/2015: – nuove definizioni: ad esempio di “stabilimento di soglia inferiore”, “stabilimento di soglia superiore”, “stabilimento adiacente”, “nuovo stabilimento”, “stabilimento preesistente”, “altro stabilimento”, “miscela”, “presenza di sostanze pericolose”, “deposito”, “deposito temporaneo intermedio”, “pubblico”, “pubblico interessato”, “ispezioni”, …; – classificazione delle sostanze e delle miscele pericolose, in accordo con il Regolamento CE n.1272/2008; - previsione di una specifica procedura per la valutazione dei pericoli di incidente rilevante per una particolare sostanza pericolosa (art. 4); – l’obbligo del gestore di dimostrare in qualsiasi momento alle Autorità competenti e di controllo l’adozione di tutte le misure di cui al D.L.vo in esame (art. 12); – svolgimento dei controlli (istruttorie ed ispezioni) e verifica delle informazioni contenute nella Notifica: ad esempio la semplificazione dell’attuazione delle misure di controllo degli stabilimenti interessati e la riduzione degli oneri amministrativi; –un migliore accesso dei cittadini all’informazione sui rischi dovuti alle attività dei vicini impianti industriali, sui comportamenti in caso di incidente e un’efficace partecipazione alle decisioni relative agli insediamenti nelle aree a rischio di incidente rilevante (artt. 23, 24, 25 e 26). Il D.Lgs. 105/2015, che con l’articolo 33 abroga diversi altri decreti (tra questi anche il D.Lgs. 334/1999), è in vigore dal 29 luglio 2015.